Il principio di Responsabilità in Sauna

Geom. Renato Cazzolato

referente polizze assicurative

  • Diploma di Geometra
  • Sub Agente Assicurativo presso Lloyd Adriatico
  • Agente generale come plurimandatario per una decina di importanti Compagnie Assicurative
  • Agente Generale per l'ITAS Vita,ITAS Mutua e Assicuratrice Valpiave SpA 

Scheda per polizza assicurativa di tutela da infortunio

Aisa ha stipulato una convenzione per una polizza infortunistica che copra gli associati nel caso essi si trovino ad incorrere in un infortunio personale mentre operano quali MdS, sia nelle attività di raduno ( feste e gare) sia nella propria ordinaria attività di MdS presso il proprio contro di riferimento o altri ove sia ospite.
 Questa polizza ha delle condizioni particolari legate alla tipologia tipica del nostro tipo di attività ed alle condizioni di intervento sanitario oggi in essere. Come è a tutti noto infatti sempre meno le strutture sanitarie tengono in ricovero l’infortunato, se non per particolari e gravi situazioni, quindi le indennità di ricovero hanno scarso significato mentre alzano molto il premio. 



Abbiamo preferito avere invece basse le franchigie nel caso di invalidità e di spese sanitarie con margini invece alti che premettono di vedere effettivamente rimborsati una quantità di situazioni che si possono verificare nel nostro agire. 



Giova ricordare che le persone possono avere più polizze infortunistiche e che possono essere liquidati contemporaneamente eccetto che per la voce rimborso spese sanitarie che ovviament eva a carico solo di una polizza.


Questi sono i massimali offerti:

- Caso Morte - Euro 30.000,00 

- Caso di invalidità Permanente da Infortunio - Euro 100.000,00 (franchigia 3% significa che se a seguito dell’Infortunio si verifica una invalidità permanente, questa si quantifica in punti percentuali, che corrispondono alla percentuale di risarcimento. Se ho un 10% di invalidità il calcolo: 10-3= 7% ricevo €7.000,00 di risarcimento)

- Rimborso Spese mediche e sanitarie da Infortunio - Euro 5.000,00 (scoperto 20% minimo 80 Euro). La cifra è alta perché oggi è molto facile salire di spese sanitarie dovendo ricorrere a strutture private o visite specialistiche e terapeutiche private.


Il premio per questa polizza è di € 25,00 a socio.

Download
SCHEDA PER POLIZZA ASSICURATIVA DI TUTELA DA INFORTUNIO

AisaInfortu_s.pdf
Documento Adobe Acrobat 47.0 KB

Vorrei avviare una riflessione su un tema cruciale per l’evoluzione del nostro movimento che riguarda i diversi aspetti della responsabilità dell’Aufgussmeister o Maestro di Sauna ( MdS). Si tratta di un tema che rappresenta la premessa necessarie per la comprensione delle nostre necessità assicurative legate alla responsabilità civile ed alla tutela legale che AISA ha già stipulato, nonché del corretto rapporto tra MdS volontari e professionisti.

 

Questa riflessione si inquadra anche nello sforzo che è in corso da parte di AISA di redigere un adeguato codice di comportamento del MdS che permetta di identificare bene i comportamenti richiesti dall’esercizio della nostra attività sia essa a titolo volontaristico che professionale. Agitare un asciugamento in sauna ha come fine essenziale il benessere negli ospiti e quindi bisogna sempre avere una attenzione prioritaria a non mettere mai a repentaglio la sicurezza, l'incolumità, la fiducia di chi entra in una sauna.

 

Fatto salvo questo principio generale però, gli aspetti giuridici sono più articolati e delicati.

 

Una prima considerazione riguarda la natura della responsabilità che del MdS mentre opera in sauna e dalla quale possano o meno dipendere il suo coinvolgimento in azioni di risarcimento o in eventuali indagini.. Essa non è di natura contrattuale, in quanto il contratto della persona che è presente nella sauna, sia esso pagante, ospite o altro, non nasce da un rapporto con il MdS ma con la struttura in cui è presente la sauna. Il centro, nella figura del suo rappresentante legale, ha la responsabilità sia di ammettere i clienti al proprio interno e quindi di offrire loro un insieme di prestazioni in condizione di sicurezza ed incolumità personali, sia di ammettere il MdS a svolgere la sua attività. Questo va precisato meglio: il MdS, sia volontario che professionista dipendente, esercita la propria attività in quanto autorizzato dal centro in cui si svolge la attività stessa. Tale autorizzazione è implicita nel momento in cui tale attività è pubblicizzata, permessa e non impedita.

 

Quindi nel caso malaugurato in cui dalla attività del MdS dipendesse un danno a terzi, cioè ai clienti del centro, in primo luogo e per definizione contrattuale, sarà il Centro ad essere tenuto al risarcimento, qualora richiesto. Se il tipo di danno è di proporzioni tali da implicare l’intervento delle autorità pubbliche e della magistratura per accertare eventuali responsabilità di carattere penale, allora il MdS potrebbe essere chiamato in causa al fine di accertare se il suo operato sia stato conforme o meno al codice di comportamento che ne regola l’attività ( ecco perché è così importante il lavoro di regolamentazione che fa AISA ) ovvero se il comportamento del MdS sia stato coerente con le normali regole prudenza, di prevenzione del rischio, di sicurezza degli ospiti, di buon senso.

 

Fatto salvo dunque che il danno recato sia stato generato dalla eventualità, repentina e imprevedibile, del “caso fortuito” e non da negligenza, dolo o colpa grave del MdS, quest’ultimo non verrà chiamato a risarcire alcunché in quanto l’onere di risarcimento grava primariamente ed interamente sul Centro il quale ovviamente deve essere dotato di una buona copertura assicurativa.

 

Questo significa innanzitutto che ciascuno di noi può pensare di dormire tranquillo quando esercita il suo compito nel mondo professionale o volontaristico, con coscienziosa attenzione alla tutela delle persone che a lui si affidano per vivere un'esperienza di benessere; ma significa anche che non dobbiamo difendere comportamenti irresponsabili o pericolosi o negligenti che possono creare danno agli ospiti solo per il puro piacere dell’esibizione o del rischio.

 

Diverso è invece il caso in cui un MdS possa recare un danno alle strutture in cui opera, perché in questo caso il centro sarebbe il danneggiato e quindi sarebbe questi a chiamare il MdS a risarcire il fatto. Ovviamente qui si aprono mille sotto specie di situazioni su cui non è il caso di entrare troppo nello specifico, ma che rientrano sicuramente all’interno delle diverse possibili coperture assicurative di responsabilità. AISA si è dotato di una polizza in tal senso che copre i MdS Iscritti in tutte le attività che AISA organizza, quindi ritrovi, raduni, e attività varie promosse da AISA.

 

Download
Fascicolo Informativo Polizza Responsabilità Civile AISA
Fascicolo_Informativo_polizza_responsabi
Documento Adobe Acrobat 465.8 KB
Download
Comunicazione informativa Responsabilità Civile
responsabilita_civile_AISA.pdf
Documento Adobe Acrobat 160.7 KB

Download
Fascicolo Informativo Tutela Legale AISA
DAS_Fascic_Inform_vo_Tutela Legale.pdf
Documento Adobe Acrobat 331.6 KB
Download
Scheda Tecnica Tutela Legale AISA
DAS_Scheda_Tecnica_Tutela_Legale.pdf
Documento Adobe Acrobat 180.6 KB